Pubblicato il

Malasanità – Errori medici

Offriamo assistenza medica e legale senza anticipo spese

Assistenza malasanità – Errori medici

Analisi del caso Perizia medico legale – Quantificazione dei danni – Pratiche di risarcimento

Ottieni subito una consulenza da un professionista 

La malasanità è spesso causa di notevoli disagi sia per paziente che ha subito il danno, sia per il medico che lo ha causato.

La vittima di errore medico, oltre al danno, spesso irreparabile e permanente per l’intera esistenza, si trova a dover “combattere” una vera e propria “guerra” burocratica per ottenere il risarcimento che gli spetta di diritto.

Il medico che ha commesso l’errore si trova anch’esso in una situazione non meno disagiata, tra avvisi di garanzia, avvocati e screditamento professionale.

Negli ultimi anni, avvocati e aziende che si occupano di errore medico, hanno diffuso la possibilità di ottenere un risarcimento danni per tutte le vittime, la legge infatti prevede dieci anni dall’ultimo certificato, per la prescrizione del caso.

La diffusione di queste informazioni, note a pochi, la crisi economica degli ultimi anni il sempre più desiderio di giustizia, hanno fatto aumentare notevolmente le denuncie e richieste di risarcimento danno creando situazioni paradossali per i medici e per le stesse vittime.

Infatti, molti casi nei quali è stata effettuata una scorretta analisi, hanno portato notevoli costi legali ai pazienti che speravano in un risarcimento e addirittura a querele per diffamazione da parte del medico accusato.

La responsabilità medica (danno medico) deve essere dimostrata con prove documentarie certe, e spesso, anche se il danno è presente e le prove insufficienti si rischia di incorrere in lungaggini burocratiche, elevati costi legali e ad una querela da parte del medico.

Denunciare il medico, costituirsi parte civile, avviare una causa senza prove documentarie certe, può innescare un meccanismo burocratico lungo decenni che alla fine può rivelarsi dannoso psicologicamente e finanziariamente per tutti, e medico e paziente rimarranno entrambi vittime.

Partendo dal presupposto che il medico è un essere umano che come tutti può commettere un errore, è evidente che questo sistema non può funzionare.

Se si crede di essere vittima di malasanità, è necessario rivolgersi ad un legale specializzato in risarcimento danni da errori medici, per lo stesso principio per cui se si hanno problemi di vista ci si rivolge ad un oculista e non ad un ortopedico. L’ortopedico pur essendo un medico non è specializzato in oculistica, allo stesso modo, l’avvocato divorzista pur essendo un legale, non avrà una profonda conoscenza di risarcimento danni per malasanità.

L’avvocato specializzato in errori medici collabora con medici legali anch’essi specializzati in materia, i quali valuteranno tutto il materiale documentario e clinico allo scopo di trovare le prove dell’errore medico. E’ quindi possibile accertare prima di ogni azione legale se si ha diritto ad un risarcimento o meno.

Identificata la responsabilità medica sarà compito del legale presentare le prove documentarie alla compagni assicurativa del medico o della struttura ospedaliera, la quale, viste le prove inconfutabili, non avrà neanch’essa convenienza ad avviare una causa e patteggerà il risarcimento danni.

Questo sistema (stragiudiziale) rende il percorso per ottenere il risarcimento veloce e sicuro, senza incorrere in lungaggini giudiziarie, rischio di perdita della causa e alti costi legali, sia per il danneggiato, sia per il medico o struttura ospedaliera.

Richiedi subito una consulenza >>>