Pubblicato il

Schianto mortale, bimbo in prognosi

ambulanzaMassa, 22 luglio 2014 – Un impatto violentissimo fra due auto, un anziano deceduto poco dopo la collisione e quella che avrebbe dovuto essere una vacanza spensierata in Toscana si trasforma in tragedia per una famiglia correggese in villeggiatura a Massa Marittima.

Teatro dell’incidente dall’esito fatale per un 74enne originario di Siena la “variante Ghirlanda”, alle porte di Massa Marittima. Erano circa le 11.20, ieri mattina, quando Dario Emili, in viaggio verso Follonica al volante della sua Honda Cvr, perde il controllo della vettura. Dalla Città del Palio, stava procedendo lungo la variante cosiddetta del “Mulinaccio”.

Presumibilmente, dalle prime risultanze degli inquirenti dell’Arma, sarebbe un malore improvviso all’origine del sinistro provocato da un’invasione dell’altra corsia. In quel momento, infatti, stava sopraggiungendo dalla direzione opposta il cinquantenne M.A., residente a Correggio, al volante di un’Audi. A bordo c’erano anche i due figli piccoli.

L’uomo ha fatto di tutto per evitare l’impatto con l’Honda Cvr, ma invano: le vetture sono entrate in rotta di collisione e ai soccorritori della Croce Rossa le condizioni del senese Emili sono apparse da subito critiche. Trasferito d’urgenza all’ospedale di Massa Marittima, nonostante i tempestivi tentativi per rianimarlo, l’anziano è deceduto poco dopo.

I due bambini correggesi sono invece stati trasportati all’Ospedale pediatrico “Meyer” di Firenze, dove uno verserebbe in prognosi riservata. Per fortuna, non in pericolo di vita in base ad un primo bollettino medico: si tratterebbe di una precauzione adottata in ragione della giovane età del ferito.

Il padre, M.A., è stato a sua volta ricoverato presso il nosocomio massetano ma secondo il verdetto dei sanitari le sue condizioni non destano particolare preoccupazione. Sul posto, oltre ai carabinieri della città di Massa Marittima, che hanno effettuato i rilievi (e che ieri pomeriggio stavano ancora accertando le cause del sinistro), si sono portati anche i vigili del fuoco mentre l’Officina “Donati” di Massa Marittima ha provveduto al recupero dei mezzi.

ilgiornoFonte: qn.quotidiano.net

 
di  a.p.
 

Martedì 22 luglio 2014

.

.